Milano moda donna: le tendenze autunno-inverno 2016/17

Milano moda donna è uno degli eventi più attesi dell’anno. I riflettori si sono già spenti da qualche settimana, ma noi li riaccendiamo. In passerella hanno sfilato tante nuove collezioni che indosseremo nella prossima stagione autunno-inverno 2016/17 e sin dalla prima giornata gli stilisti non hanno deluso le nostre aspettative, partendo da Alberta Ferretti, passando per Roberto Cavalli e Gucci (evento molto atteso).

L’arduo compito dell’inaugurazione di Milano moda donna è spettato a Grinko, marchio che ha riportato in auge il punk anni ’90 così come N21 che ha portato dei maxi maglioni in lana e tartan, e gli abiti sottoveste già visti a New York e Londra e resi ancora più eleganti da Alberta Ferretti che ha fatto confezionare long dress scivolati ispirati a quelli da camera arricchi con pizzo e veli che donano un effetto vedo/non vedo molto intriganti. Anche i completi pajama style sono molto interessanti, sopratutto quelli in velluto.

La maison di Roberto Cavalli guidata da Peter Dundas, ha deciso di provare a scovare qualcosa dagli archivi della tradizione del marchio, infatti abbiamo rivisto con piacere gli abiti classici con stampe floreali e tocco decò, i pantaloni a vita alta sia stretti che larghi con applicazioni in metallo e ricami colorati, e ancora pellicce e mantelle, sempre in velluto. Fausto Puglisi invece ha spezzato questa monotonia fatta di ritorno al passato con una collezione sportiva, abiti in felpa, bomber oversize e gonne a ruota che strizzano l’occhio alle più giovani fashion blogger sempre in prima fila a Milano moda donna.

milano moda donna-365moda

Tuttavia la collezione di Milano moda donna che ha catalizzato l’attenzione dei presenti è stata quella di Gucci. Per l’autunno-inverno 2016/17 non è stata presentata un’unica idea ma due stili paralleli. Vestiti effetto nudo o con disegni floreali, tessuti arcobaleno, paillettes con frange sulle gonne che si aprono maliziosamente sulle cosce, e ancora balze, ruches, tailleur semplici. Un capo essenziale è il kimono ma sono gli accessori i veri protagonisti della maison, dai cappelli con veletta alle bag, passando per gli occhiali da sole, i collant e le scarpe con il super plateau. Decisamente minimalista lo stile di Moschino, con rose delicate e discrete grafiche che ben si adeguano alle silhouette sobrie dei tailleur. Le bluse effetto mesh saranno sicuramente il capo must have del prossimo autunno-inverno 2016/17 grazie ai loro colori bianco, argento, nero e alle irresistibili pennellate di giallo. La collezione Moschino by Jeremy Scott invece non ha introdotto alcuna novità a Milano moda donna, ha solo segnato il ritorno del maculato che non era mai stato mandato in pensione. Una cosa che ci ha stupito è l'(a)buso della pelliccia anche per Prada che l’ha applicata sui cappotti leggeri, non sappiamo come reagiranno le animaliste, ma per loro ci sono le giacche in tessuto impermeabile.

Più volte abbiamo parlato di velluto in questo articolo, anche se è Re Giorgio che l’ha fatto rivivere in tutto il suo splendore. Anche Emilio Pucci si è lasciato conquistare dal tessuto per gli abiti della nuova collezione, in netto contrasto con i lunghi piumini e le tute pronte per essere indossate sul cucuzzolo della montagna. Infine care amiche di 365 moda, concludiamo la nostra passerella virtuale di Milano moda donna con Max Mara che ha reso protagonista il metallizzato e lo shearling per un mix moderno con retrogusto antico indicato per la donna trentenne di oggi che si sente ancora una ragazzina.

La moda non è qualcosa che esiste solo negli abiti. La moda è nel cielo, nella strada, la moda ha a che fare con le idee, il nostro modo di vivere, che cosa sta accadendo. [Coco Chanel]

Flavia

La moda non è qualcosa che esiste solo negli abiti. La moda è nel cielo, nella strada, la moda ha a che fare con le idee, il nostro modo di vivere, che cosa sta accadendo. [Coco Chanel]

Che ne pensi? Scrivi la tua opinione